Emissioni elettromagnetiche, il Comune al lavora per l’approvazione del Regolamento

piano elettromagnetismo pomezia

Il primo Regolamento comunale per l’installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di TeleRadioComunicazione. E’ questo l’obiettivo dell’Amministrazione comunale che ha affidato il 29 gennaio scorso, dopo gara pubblica, il servizio di redazione ed elaborazione del piano delle emissioni elettromagnetiche.

Sono stati rilevati tutti i siti della Città in cui sono presenti antenne ed è stato creato un catasto degli impianti di TeleRadioComunicazione – spiega l’Assessore Riccardo Borghesi – Ora la ditta è al lavoro nella fase di misurazione del campo elettrico generato da ciascun impianto: ad oggi sono state misurate 23 antenne sulle 63 presenti a Pomezia.

Il progetto è quindi nella fase iniziale: analisi territoriale preliminare e studio dei livelli elettromagnetici di fondo con realizzazione del catasto degli impianti esistenti. Seguiranno altre 3 fasi:
– sintesi dei dati raccolti ed individuazione preliminare dei siti;

– piano delle emissioni elettromagnetiche, individuazione di aree maggiormente idonee, aree di attenzione e aree sensibili;

– stesura del regolamento che indichi le direttive in termini urbanistici degli impianti

                        Il nostro obiettivo, già dichiarato nel programma elettorale e previsto dalla normativa (art. 8, comma 6, della legge 22 febbraio 2001, n. 36, ndr), è quello di adottare un Regolamento che assicuri il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti, minimizzando l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici, con particolare riguardo ai siti ed edifici sensibili come le scuole o gli ospedali – aggiunge il Sindaco Fabio Fucci – Per la prima volta in questo Comune sono state censite le antenne presenti e si sta lavorando alla redazione di un Piano e di un Regolamento: un obiettivo importante voluto dagli stessi cittadini che hanno contribuito alla stesura del nostro programma elettorale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*