Istallata una centralina a distanza dalla Eco X per valutare gli effetti sulla cittadinanza

incendio pomezia ecoX

A seguito dell’incontro svolto questo pomeriggio presso il Comune di Pomezia tra il Sindaco Fabio Fucci – raggiunto poi dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi – la Asl Roma 6 e Arpa Lazio, il Primo Cittadino di Pomezia dichiara:

Gli enti regionali ci hanno chiarito la metodologia delle analisi fatte e quelle in corso. E’ stato rilevato e inviato in laboratorio un campione della copertura del capannone andato in fiamme per valutare se si tratta o meno di amianto ed eventualmente di che tipo. I risultati di queste analisi ci saranno comunicati nelle prossime ore. Sono inoltre in corso una serie di rilevazioni sull’aria per valutare, qualora fosse presente amianto, la quantità e la direzione della dispersione. Sono stati inoltre prelevati campioni di frutta, verdura, mangimi e foraggi nelle coltivazioni e nei campi nel raggio di 5 km dal luogo dell’incendio. I risultati di queste ultime analisi ci saranno trasmesse tra giovedì e venerdì.

 

Sulle analisi della qualità dell’aria effettuate da Arpa di cui sono stati diffusi poche ore fa i primi risultati, il Sindaco Fucci spiega:

Arpa Lazio ha installato un’ulteriore centralina nel territorio comunale ma a notevole distanza dal capannone andato in fiamme, per valutare l’impatto sull’intera Città, a cui seguiranno analisi nelle zone limitrofe a Pomezia. Arpa è in attesa delle determinazioni analitiche di idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e diossine, i cui risultati verranno comunicati non appena disponibili, e sta lavorando a un modello matematico per valutare la ricaduta degli eventuali inquinanti nelle aree che sono state raggiunte dalle masse d’aria in movimento.

Attualmente l’incendio è sotto controllo ma i Vigili del Fuoco sono ancora al lavoro per spegnere gli ultimi focolai. Continueremo a dare aggiornamenti nelle prossime ore. Oggi è partita la pulizia straordinaria degli edifici scolastici, delle strade e dei giardini della Città che proseguirà anche nella giornata di domani.

In accordo con la Asl e in attesa di ricevere i risultati delle analisi di cui sopra, si raccomanda, a titolo precauzionale:

 

1) ai cittadini residenti nelle zone circostanti l’origine dell’incendio per un raggio di 2 Km di mantenere la chiusura delle porte e finestre delle abitazioni e delle attività commerciali, industriali e di servizi, al fine di prevenire un possibile passaggio di inquinanti.

 

2) il lavaggio esclusivamente con acqua delle superfici esterne e oggetto di accumulo di polveri evitando getti che possano rimettere in circolo le polveri

 

3) per impianti di condizionamento o areazione forzata, la sostituzione/manutenzione dei filtri e delle condotte, in particolare per chi li ha spenti/disattivati il giorno in cui è scoppiato l’incendio e ha intenzione di riaccenderli in queste ore.

 

Si ricorda infine che rimane in vigore l’ordinanza emessa ieri 7 maggio 2017.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*