Coronavirus, il Sindaco di Pomezia attiva in via precauzionale il Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile

coronavirus

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha appena firmato l’ordinanza di attivazione, in via precauzionale, del Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria nel nostro territorio. Il provvedimento, predisposto su indicazione della protezione civile in coordinamento con Anci, è volto all’esigenza di ottimizzare le comunicazioni interistituzionali al fine di fornire una corretta informazione alla cittadinanza. Si informa che sono stati predisposti interventi straordinari di pulizia dei mezzi del trasporto pubblico locale.

Si ricordano, come ribadito dall’ordinanza del Presidente della Regione Lazio di ieri 26/2/20, le misure per la profilassi e il trattamento dei soggetti che hanno soggiornato in Cina o nei Comuni italiani interessati dai focolai (elenco sotto):

chiunque abbia fatto ingresso in Italia negli ultimi quattordici giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero nei Comuni italiani ove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus (l’aggiornamento del quale potrà essere conosciuto attraverso il sito istituzionale del Ministero della salute e della Regione), deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente (vedi ordinanza Regione allegata) che lo comunica al medico di medicina generale (“MMG”) ovvero pediatra di libera scelta (“PLS”) che assistono il soggetto.

Al momento i Comuni interessanti da provvedimenti di ordinanza sono i seguenti:

LOMBARDIA

  • Codogno
  • Castelgerundo
  • Castiglione d’Adda
  • Casalpusterlengo
  • Fombio
  • Maleo
  • Somaglia
  • Bertonico
  • Terranova dei Passerini
  • San Fiorano.

VENETO

  • Vo’ Euganeo (PD).
  • Mira (VE)

Si segnala inoltre che gli ospedali di Schiavonia di Monselice per la Bassa Padovana e l’ospedale di Mirano di Dolo sono le strutture dove sono stati ricoverati i casi.

Numero Ministero della Salute 1500

Numero Unico dell’Emergenza 112

Numero verde 800.118.800

Si raccomanda l’affissione in tutti i luoghi pubblici ed esercizi commerciali le informazioni sulle misure di prevenzione (vedi allegato)

Tutti gli aggiornamenti: http://www.comune.pomezia.rm.it/coronavirus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*