Il crimine ai tempi del coronavirus: la truffa del tampone casa per casa

porta a porta

“Sta girando in queste ore una finta nota audio di una donna che afferma essere un’operatrice della Protezione civile regionale ed annuncia che passeranno nei prossimi giorni ad eseguire il tampone casa per casa. È una truffa. Invitiamo i cittadini a non far circolare questa bufala, ma soprattutto a non aprire la porta di casa ad operatori senza tesserino senza che vi sia stato un contatto telefonico precedente”.

Lo segnala la Regione Lazio in una nota

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*