Impianto di smaltimento di rifiuti in arrivo? I timori dell’Associazione Latium Vetus

impianto rifiuti pomezia

Pomezia rischia la realizzazione in zona via Naro – per la precisione in via Trieste – di un impianto di smaltimento e recupero di rifiuti con una capacità di messa in riserva di circa 206.148 tonnellate/anno.
Si tratta dello stoccaggio di un quantitativo di rifiuti enorme, pari a circa tre volte quello della ‘Eco X’ (il cui stabilimento di Pomezia venne distrutto da un incendio il 05 maggio 2017).

Nel dare l’annuncio, in una nota fiume, l’Associazione Latium Vetus snocciola i rischi incontro ai quali andrà la città di Pomezia se tale impianto dovesse effettivamente essere realizzato.

Si tratta – spiegano dal sodalizio – di un progetto, quello presentato dalla Intereco Servizi S.r.l. di via Trieste, assolutamente insostenibile per il nostro territorio sotto numerosi punti di vista in particolare
l’ambiente e la salute, in un territorio che ha “già dato” in termini di impatti ambientali e sul quale
gravano molte altre proposte e progetti di impianti legati al ciclo dei rifiuti.
Cosa ha fatto il Comune per difendere i cittadini da tutti gli innumerevoli progetti di impianti legati al
ciclo dei rifiuti che, cosi come denunciato da anni, stanno proseguendo i loro iter e la cui realizzazione
potrebbe essere autorizzata a Pomezia?
Nel 2017 il consiglio comunale di Pomezia, bocciò la proposta delle associazioni per l’introduzione nel
Regolamento edilizio delle distanze minime degli impianti impattanti da case sparse e centri abitati. Il
Comune poteva allora risolvere l’insorgenza di questi impianti ma non lo fece. Dello stesso tenore,
oggi, il “tira e molla” politico a cui assistiamo noi cittadini fra la maggioranza in consiglio comunale
guidata dal Movimento 5 stelle di Pomezia e l’intera opposizione, prima, e le associazioni, poi, è
qualcosa di grottesco ed inaccettabile, che sta facendo passare in secondo piano l’emergenza legata
a tutti i progetti in corso di approvazione.
Ma c’è di più. Ben lontano dall’essere contrastato dal Comune di Pomezia, l’impianto della Intereco
Servizi S.r.l. di via Trieste ha ricevuto tra il 2016 e il 2017 tutti i permessi favorevoli dall’ente locale ed
oggi ha già iniziato ad accatastare nello spiazzale aperto a ridosso della strada rilevanti quantitativi
di carta e plastica.
L’iter progettuale dell’impianto di via Trieste iniziò infatti nel luglio 2016, senza che cittadini e
associazioni ne fossero a conoscenza. Fu proprio il Comune di Pomezia – all’epoca guidato dal
Movimento 5 Stelle e dalla giunta Fucci – a convocare la conferenza di servizi (riunione fra le pubbliche
amministrazioni competenti al rilascio dei pareri) e a rilasciare ben due pareri favorevoli (quello
urbanistico e quello relativo all’impatto acustico). Ciò che non fece il Comune di Pomezia, fu poi fatto
dalla Città metropolitana di Roma – guidata da Virginia Raggi e dall’allora vicesindaco metropolitano
Fabio Fucci, proprio il sindaco di Pomezia. La Città metropolitana, infatti, rilasciò nel 2017 il parere favorevole relativo alle emissioni in atmosfera ed infine il 04 ottobre 2017 approvò l’autorizzazione
unica ambientale per la messa in esercizio dell’impianto – si badi bene, in assenza della valutazione di
impatto ambientale, che invece per legge era necessario acquisire!
L’obbligo di acquisire la valutazione di impatto ambientale è stato definitivamente ribadito il 21
novembre scorso dalla Regione Lazio: in questa fase quindi i cittadini e le associazioni hanno la
facoltà di presentare proprie osservazioni alla Regione per evidenziare tutte le criticità inerenti
questo progetto.
Associazione Latium Vetus non farà mancare il proprio apporto – cosi come già avvenuto per la difesa
del vincolo paesaggistico di Torre Maggiore e dell’agro di Pomezia ed Ardea – e presenterà alla
Regione osservazioni contrarie all’impianto unitamente alle altre realtà associative (ad oggi il C.d.Q. di
via Naro, l’Associazione Tyrrhenum e il gruppo “Cittadini No Biogas Pomezia”).
Tali osservazioni saranno illustrate in una ASSEMBLEA PUBBLICA DOMENICA 10 FEBBRAIO 2019 alle
ore 10.30 presso il casale Bravaccini in via Busto Arsizio 02 (traversa di via Naro).
Chiediamo a tutte le associazioni, a tutti i CdQ di Pomezia e a tutti i cittadini di presenziare all’incontro
e di sottoscrivere le osservazioni nell’intento comune di contrastare un impianto potenzialmente
molto dannoso per il nostro territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*