Mai più ragazzi soli: successo per “Mettiamoci in gioco”, il progetto contro il cyberbullismo promosso dal Comune

cyber bullismo

Si è concluso con un grande evento al quale hanno preso parte tutte le scuole della città “Mettiamoci in gioco”, il progetto promosso dal Comune di Pomezia per contrastare il fenomeno del cyberbullismo.

L’intervento, inserito nel Piano regionale di azioni per la prevenzione, gestione e contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, ha coinvolto ben nove 9 gli istituti scolastici tra scuole medie e superiori, con un programma rivolto principalmente alla fascia di età 13-16 anni.

“Il progetto – spiega l’Assessore Miariam Delvecchio – ha previsto giornate di informazione e sensibilizzazione nelle scuole attraverso lo strumento del teatro e del confronto con una psicologa esperta di bullismo. L’obiettivo è stato quello di dare informazioni agli studenti, ai genitori e agli insegnanti e sensibilizzarli su un fenomeno di cui sentiamo spesso parlare, ma di cui non sempre si comprende la portata, soprattutto in relazione all’utilizzo delle nuove tecnologie”.

“E’ importante partire dalle scuole per contrastare bullismo e cyberbullismo – ha aggiunto il sindaco Adriano Zuccalà – Il contesto in cui i bambini e i ragazzi vivono quotidianamente – famiglia, scuola, strutture sportive – è il terreno su cui costruire azioni e interventi di prevenzione e sensibilizzazione, ognuno con i propri strumenti. Con questo progetto abbiamo voluto dare un contributo e un sostegno a docenti e genitori, ma anche trasmettere agli studenti un messaggio importante: non siete soli!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*