Si fanno chiudere nel magazzino del bar e poi lo svaligiano: ladri scatenati a Pomezia

carabinieri castel romano pomezia

I Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Pomezia, negli ultimi giorni e in vista dell’apertura della stagione balneare, hanno intensificato la presenza sul territorio al fine di elevare la percezione di sicurezza in quanti, residenti e non, scelgano di spostarsi sul litorale.

In questo contesto, i Carabinieri hanno arrestato, complessivamente, 3 persone, 2 le denunce a piede libero. Per tutti il reato contestato è furto aggravato.

Tentato furto in un villino

Nella giornata di ieri, un cittadino tunisino di 38 anni, con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Torvaianica con l’accusa di tentato furto in abitazione. L’uomo è stato notato da alcuni passanti mentre stava tentando di forzare la finestra di un villino di via lungomare delle Sirene. I militari, intervenuti rapidamente a seguito di chiamata al numero unico di emergenza “112”, hanno rintracciato il malvivente che, sentendo le sirene delle “gazzelle”, si era nascosto nel giardino dell’abitazione. Il 38enne è stato arrestato e, al termine del processo per direttissima, è stato accompagnato nel carcere di Velletri.

Il colpo in un bar

Due notti fa, invece, due giovani italiani di 22 e 24 anni, entrambi con precedenti, sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri dopo aver messo a segno un furto in un bar di Largo Catone a Pomezia. I ladri, con l’approssimarsi dell’orario di chiusura dell’esercizio, si erano nascosti nel magazzino e una volta chiuso il bar, hanno rubato il salvadanaio delle mance con i circa 100 euro contenuti. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia, transitando nella zona, hanno avvertito il suono della sirena d’allarme del bar e si sono immediatamente avvicinati e, in breve tempo, hanno rintracciato i 2 malviventi. Per loro è scattata la denuncia a piede libero, la refurtiva è stata interamente restituita al proprietario del bar “visitato”.

Colpo al centro estetico

Questa lezione, evidentemente, non era stata afferrata, soprattutto dal 22enne che, due giorni dopo il furto nel bar che gli è costata la denuncia, accompagnato da un altro “socio” – un 19enne di Pomezia con precedenti – è stato nuovamente “pizzicato” a rubare in un centro estetico di piazza Indipendenza. Questa volta, però, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia hanno fatto scattare le manette ai suoi polsi e a quelli del complice. I militari erano intervenuti, poco prima, a seguito del furto consumato e grazie alla descrizione fornita dei malfattori, li hanno rintracciati nei pressi di Via Fellini, dove sono stati trovati in possesso di due televisori appena rubati.

I malviventi sono stati trattenuti in caserma in attesa del processo con rito direttissimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*