Su proposta degli studenti del Pascal, intitolati ad Alda Federici i giardinetti di via Filippo Re

giardinetti via filippo re

La toponomastica di Pomezia Centro da oggi si arricchisce con il giardino di via Filippo Re intitolato ad Alda Federici in Anzellotti, la celebre maestra e Direttrice Didattica che insegnò a Santa Procula negli anni ‘50.

La nuova denominazione si inserisce all’interno del progetto di toponomastica femminile We-MApp, finanziato dal MIUR e patrocinato dal Comune di Pomezia, a cui si devono diverse intitolazioni individuate dagli studenti del Liceo Blaise Pascal, della Scuola Media Orazio e della Scuola Primaria Trilussa:

– Giardino Alda Federici in Anzellotti – Direttrice Didattica (via Filippo Re)
– Rotatoria Rosina Ferrario – Aviatrice (Rotonda tra Viale Po e via Lago Maggiore)
– Maria Vittoria Imma Norsa – Archeologa (Rotonda Tra via del Mare e via di Pratica di Mare)
– Via delle Operaie – (Traversa di via delle Monachelle)
– Pista Ciclabile Lea Caroli – Insegnante (Pista ciclabile collegamento via Don Sturzo e via Itaca)
– Largo Isolina Camosi -Insegnante (Largo tra viale Manzoni e via Silvio Spaventa)
– Giardino Ketty La Rocca – Artista (Giardino tra via Rumenia e via Dublino)
– Passaggio a mare Melchior Simon Costeau – Esploratrice Subacquea (Passaggio a mare n.41)

L’obiettivo principale del progetto è stato quello di intitolare alla memoria delle figure femminili della letteratura, della scienza, delle arti e della storia della nostra comunità, le diverse aree pubbliche disponibili nel nostro territorio – dichiara l’Assessore all’Urbanistica Luca Tovalieri – Ringrazio i ragazzi, i docenti e i presidi per l’importante lavoro di ricerca che hanno svolto.

Con questo progetto i ragazzi hanno affrontato la questione della toponomastica femminile come luogo di cittadinanza attiva e di riconoscimento del valore delle donne in tutti gli ambiti dei saperi – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – Abbiamo il dovere di promuovere una cultura delle pari opportunità e di uguale dignità nella differenza di genere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*