Torna a Pomezia “Campagna Amica”, il mercato dei contadini

campagna amica pomezia

Torna tutti i giovedì, in piazza San Benedetto da Norcia, Campagna Amica, il mercato dei contadini promosso da Coldiretti. 

Il Sindaco e la Giunta hanno deliberato l’istituzione, in via sperimentale per un anno, del “Mercato per una filiera tutta agricola tutta italiana” di Campagna Amica. Il Mercato si svolgerà in Piazza San Benedetto da Norcia, tutti i giovedì a partire dal 17 ottobre, dalle ore 08:00 alle ore 14:00.
Il Progetto, elaborato da Coldiretti Roma, rientra nella costituzione su tutto il territorio nazionale dei Mercati di Campagna Amica, dove gli agricoltori tra loro associati consentono acquisti ad un prezzo giusto, favorendo nuove opportunità di reddito alle imprese.
Il Mercato di Campagna Amica rappresenta un progetto di valorizzazione e promozione del Made in Italy agroalimentare di Coldiretti, che riesce, attraverso i sui associati e punti vendita diretta, a coniugare gli interessi di produttori e consumatori e contribuisce a rilanciare il lavoro e l’economia dei territori per una ripresa sostenibile e duratura rispettosa dell’ambiente ed attenta alla salute dei cittadini.

“Una buona notizia per la promozione di una sana alimentazione – commenta la vice Sindaco Simona Morcellini –. La vendita diretta dal produttore al consumatore valorizza i prodotti agricoli locali e rappresenta un’importante occasione di educazione alimentare. Un’opportunità per Pomezia che si inserisce nel circuito della filiera Coldiretti dei Mercati di Campagna Amica: un sostegno concreto per le aziende agricole locali, una garanzia per i consumatori”.
“Un progetto che abbiamo voluto supportare fin da subito – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà –. Proprio dal confronto diretto con i produttori era nata l’idea di raccogliere le realtà locali in un mercato periodico, che potesse far conoscere le eccellenze del nostro territorio. Finalmente anche Pomezia avrà un mercato a km 0, in grado non soltanto di promuovere i prodotti delle nostre aziende agricole, ma anche di rieducare i consumatori – cittadini a un’alimentazione corretta”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*