Paura per un 50enne ai domiciliari: si pensava stesse tentando il suicidio ma era fuggito

carabinieri nucleo radiomobile roma

Temeva di incorrere nel reato di evasione perché sorpreso sul pianerottolo da due carabinieri impegnati a notificare un atto ad un’altra persone e ha finito per aggravare la sua posizione.

Protagonista di una storia quanto meno singolare un uomo di 50 anni, ai domiciliari, che si è ritrovato faccia a faccia con una coppia di militari.

Pensando che i carabinieri fossero venuti per lui, l’uomo si  è barricato in casa, in via Fellini, a Pomezia.

Per un attimo si è temuto il peggio tant’è che si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

All’apertura della porta, però, l’arrestato non c’era più, era fuggito.

Immediate le ricerche che hanno portato, poco dopo, ad una nuova denuncia nei confronti del 50enne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*