Dal lockdown alla ripresa: ieri riunioni con parrucchieri, Rete Imprese e Cna

aggiornamenti comune di pomezia
Proseguono come da calendario gli incontri convocati dall’Amministrazione comunale di Pomezia con le realtà del territorio, in vista dell’avvio della fase due di contenimento dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19.
Oggi il Sindaco Adriano Zuccalà, la vice Sindaco Simona Morcellini e l’Assessore Giuseppe Raspa hanno incontrato le associazioni di categoria di parrucchieri, Rete Imprese e Cna. Le due riunioni odierne sono state l’occasione per tracciare il quadro della situazione attuale e fare il punto sulle modalità di riapertura in attesa dei prossimi provvedimenti del Governo.
Tra le attività sospese per l’emergenza ci sono gli operatori della bellezza, con i quali è stato tracciato un percorso virtuoso che possa portare alla riapertura dei saloni contrastando il fenomeno del lavoro in nero che rischia di penalizzare la categoria. Con i rappresentanti di Rete Imprese e Cna è stato condiviso un progetto di rilancio del commercio partendo dalla formazione degli operatori su tematiche quali liquidità, ammortizzatori sociali e sanificazione attraverso webinar e videoconferenze che partiranno già dai prossimi giorni.
Il sentiment unanime delle riunioni è avviare, presto e tutti insieme, la ripartenza per portare nuova linfa vitale alla nostra Città.
“Abbiamo illustrato ai presenti – ha spiegato la vice Sindaco Simona Morcellini – le misure messe in campo per supportare le realtà del territorio. Ciò che è emerso con forza dalle riunioni odierne è la voglia e la grande determinazione di tutti di ripartire e di avviare una nuova stagione di rilancio sociale ed economico del nostro tessuto locale. Lo spirito degli incontri è proprio raccogliere spunti e idee e mettere in moto un percorso virtuoso e condiviso di ripartenza”.
“In questa fase – ha sottolineato il Sindaco Adriano Zuccalà – ognuno deve fare la propria parte con molto senso di responsabilità, altrimenti qualsiasi misura risulta inefficace. Stiamo delineando una road map di interventi, da mettere a punto sulla base di una scala di priorità, per poi programmare una ripartenza con il necessario supporto degli Enti sovra-comunali. Dobbiamo prendere atto che sta cambiando l’ordinarietà e dobbiamo adeguarci a questa nuova realtà”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*