Dal lockdown alla ripresa: incontro con asili nido, ludoteche e commercianti

asilo pomezia

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà, la vice Sindaco Simona Morcellini, gli Assessori Miriam Delvecchio e Giuseppe Raspa, hanno incontrato questa mattina i rappresentanti degli asili nido, delle ludoteche e delle attività commerciali del territorio.

Il primo incontro, quello con asili nido e ludoteche, si è concentrato sulle difficoltà economiche e organizzative del settore, fortemente colpito dalla chiusura delle attività e dall’attuale difficoltà di programmare i prossimi mesi. Tutte le strutture si sono rese disponibili a collaborare con l’Ente per eventuali progetti, anche estivi, da svolgere presso spazi pubblici aperti.

“Siamo in attesa delle indicazioni governative – ha spiegato l’Assessore Delvecchio – C’è massima apertura da parte dell’Amministrazione comunale nel mettere a disposizione, se consentito, spazi comunali all’aperto, nel pieno rispetto delle norme sulla sicurezza per il contenimento del contagio. Siamo consapevoli che è  necessaria una grande attenzione ai servizi educativi per i minori e al sistema famiglia per permettere al nostro territorio di risollevarsi da questo grande momento di crisi”.

Positivo l’incontro con i rappresentanti delle attività commerciali di Pomezia e Torvaianica, che hanno concentrato le loro richieste sulla ripartenza veloce del settore in città e su ipotesi di defiscalizzazione.

“Stiamo valutando le varie opzioni partendo dalle priorità – ha detto la vice Sindaco Morcellini – L’ampliamento di suolo pubblico in tempi rapidi per le attività commerciali, per affrontare fin da subito al meglio la stagione estiva, è uno dei primi provvedimenti che stiamo studiando. Sulle riduzioni e dilazioni delle varie imposte, saremo in grado di dare risposte certe non appena avremo contezza delle risorse straordinarie che il Governo farà arrivare ai Comuni. Molto importante la rete che si è venuta a creare tra i commercianti del territorio: una risorsa fondamentale in questo momento di grave crisi”.

“Siamo in costante contatto con gli Enti superiori, dall’Anci alla Regione fino al Governo – conclude il Sindaco Zuccalà – Ci facciamo portavoce delle istanze che arrivano dai vari settori dell’economia e della vita sociale cittadina, spingendo affinché nessuno rimanga escluso dagli aiuti economici e nessuno debba trovarsi nella condizione di chiudere l’attività. Siamo pronti a ripartire, consapevoli che questo è un momento delicato, di monitoraggio rispetto all’andamento dei contagi: è importante che ognuno di noi, dal singolo cittadino all’imprenditore, si senta responsabile della salute della propria comunità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*